Omogeneizzatore ad ultrasuoni

Un omogeneizzatore ad ultrasuoni, noto anche come disgregatore ad ultrasuoni o sonicatore, è uno strumento scientifico utilizzato per la preparazione dei campioni in vari campi, tra cui biologia, chimica, scienza dei materiali e tecnologia alimentare. Utilizza onde sonore ad alta frequenza per disgregare e omogeneizzare i campioni, provocando la dispersione di particelle, la distruzione delle cellule, l'emulsificazione e la miscelazione dei componenti.

La serie di omogeneizzatori ad ultrasuoni SeFluid comprende una gamma di strumenti progettati per fornire un'elaborazione dei campioni efficiente e coerente. La serie comprende diversi modelli, ciascuno su misura per soddisfare i requisiti specifici di varie applicazioni. Dagli esperimenti di laboratorio su piccola scala ai processi industriali su larga scala, SeFluid offre una soluzione completa per soddisfare le diverse esigenze.

Come funziona l'omogeneizzatore ad ultrasuoni

L'omogeneizzatore ad ultrasuoni funziona secondo il principio della cavitazione acustica. Utilizza onde sonore ad alta frequenza per creare cicli alternati di compressione e rarefazione in un mezzo liquido contenente il campione. Ecco una spiegazione passo passo di come funziona un omogeneizzatore ad ultrasuoni:

  • Trasduttore: L'omogeneizzatore ad ultrasuoni è costituito da un trasduttore, tipicamente costituito da materiali piezoelettrici come ceramica o cristalli. Il trasduttore è responsabile della conversione dell'energia elettrica in vibrazioni meccaniche ad alta frequenza.
  • Generatore: L'omogeneizzatore ad ultrasuoni è collegato ad un generatore che fornisce energia elettrica al trasduttore. Il generatore produce segnali elettrici ad alta frequenza, tipicamente nell'intervallo da 20 kHz a pochi megahertz, a seconda dell'applicazione specifica.

  • Sonda o corno: Il trasduttore è collegato a una sonda o a un corno, immerso nel mezzo liquido contenente il campione. La sonda funge da mezzo per trasmettere le vibrazioni meccaniche generate dal trasduttore al campione.
  • Cavitazione acustica: Quando il generatore viene acceso, il trasduttore inizia a vibrare alla frequenza desiderata, generando onde ultrasoniche. Queste onde si propagano attraverso il mezzo liquido e creano cicli alternati di compressione e rarefazione.
  • Formazione di bolle: Durante la fase di rarefazione dell'onda sonora, nel liquido si formano bolle microscopiche. Queste bolle si formano tipicamente in punti con imperfezioni o gas disciolto nel liquido.
  • Crescita delle bolle: Man mano che il ciclo di rarefazione continua, le bolle aumentano di dimensione a causa della diminuzione della pressione. La crescita di queste bolle è assistita dal continuo apporto di gas dal liquido o dalla diffusione del gas intrappolato nel liquido.
  • Collasso della bolla: Quando arriva la fase di compressione dell'onda sonora, la pressione aumenta rapidamente, provocando il violento collasso delle bolle. Questo collasso è noto come cavitazione acustica.
  • Rilascio di energia: Il rapido collasso delle bolle rilascia un’enorme quantità di energia sotto forma di onde d’urto, microgetti e riscaldamento localizzato. Il collasso delle bolle vicino a superfici solide può generare livelli energetici ancora più elevati.
  • Disgregazione e omogeneizzazione: L'energia rilasciata durante la cavitazione acustica crea forze meccaniche che distruggono le cellule, distruggono le particelle e promuovono la miscelazione all'interno del campione. Le intense forze di taglio, il microstreaming e gli aumenti di temperatura locale contribuiscono al processo di omogeneizzazione.
  • Controllo e ottimizzazione: L'omogeneizzatore ad ultrasuoni consente all'utente di controllare vari parametri come potenza, ampiezza e tempo di sonicazione. Questi parametri possono essere regolati in base alle caratteristiche specifiche del campione e ai risultati desiderati, consentendo l'ottimizzazione del processo di omogeneizzazione.

Utilizzando il fenomeno della cavitazione acustica, l'omogeneizzatore ad ultrasuoni distrugge e omogeneizza in modo efficiente i campioni, portando alla rottura delle cellule, alla dispersione delle particelle, all'emulsificazione e alla miscelazione. Il controllo preciso sui parametri di sonicazione consente ai ricercatori di personalizzare il processo in base alle loro esigenze specifiche, con conseguente preparazione efficace del campione in varie applicazioni scientifiche e industriali.

Materiale dell'omogeneizzatore ad ultrasuoni

Il materiale del corno o della sonda a ultrasuoni può variare a seconda dell'applicazione specifica e del produttore. I materiali comuni utilizzati per le sonde dell'omogeneizzatore a ultrasuoni includono:

  • Titanio: Il titanio è una scelta popolare grazie alla sua elevata robustezza, resistenza alla corrosione e capacità di trasmettere energia ultrasonica in modo efficiente. Le sonde in titanio sono adatte per un'ampia gamma di applicazioni e vengono spesso utilizzate nei laboratori biologici e chimici.

  • Acciaio inossidabile: L'acciaio inossidabile è un altro materiale comune per le sonde dell'omogeneizzatore ad ultrasuoni. È durevole, resistente alla corrosione e ha buone proprietà meccaniche. Le sonde in acciaio inossidabile vengono spesso utilizzate per applicazioni generali di laboratorio.

  • Alluminio: L'alluminio è leggero e ha una buona conduttività termica. Le sonde in alluminio sono adatte per applicazioni in cui il peso è un problema e sono comunemente utilizzate in laboratori su scala ridotta.

  • Zirconio: Lo zirconio è scelto per la sua resistenza alla corrosione e stabilità alle alte temperature. Le sonde allo zirconio possono essere utilizzate in applicazioni in cui sono presenti sostanze chimiche aggressive.

  • Materie plastiche: In alcuni casi, per le sonde possono essere utilizzati materiali plastici come PEEK (polietere etere chetone) o Teflon, soprattutto in applicazioni in cui la compatibilità chimica e la non reattività sono fondamentali.

È essenziale scegliere il materiale appropriato in base ai requisiti specifici della propria applicazione, prendendo in considerazione fattori quali il tipo di campioni da elaborare, le sostanze chimiche coinvolte e le caratteristiche prestazionali desiderate. Inoltre, anche la progettazione e la costruzione dell'intero sistema di omogeneizzazione ad ultrasuoni, compreso il generatore e altri componenti, possono variare tra i produttori. Fare sempre riferimento alle linee guida e alle raccomandazioni del produttore per l'attrezzatura specifica che si sta utilizzando.

Capacità di elaborazione dell'omogeneizzatore ad ultrasuoni

La capacità di elaborazione di un omogeneizzatore ad ultrasuoni, spesso espressa come produttività o velocità di elaborazione, può variare ampiamente a seconda di fattori quali la progettazione dello strumento, la potenza erogata e il tipo di campioni da elaborare. La capacità di elaborazione viene generalmente misurata in termini di volume del campione che può essere efficacemente trattato entro un determinato intervallo di tempo.

Alcuni fattori che influenzano la capacità di elaborazione di un omogeneizzatore ad ultrasuoni includono:

  • Potenza in uscita: La potenza dell'omogeneizzatore ad ultrasuoni, misurata in watt o kilowatt, gioca un ruolo cruciale nel determinare la sua capacità di elaborazione. Livelli di potenza più elevati generalmente consentono un’elaborazione dei campioni più rapida ed efficiente.

  • Frequenza: Gli omogeneizzatori ad ultrasuoni funzionano a frequenze specifiche, tipicamente nella gamma degli ultrasuoni (da 20 kHz a diversi MHz). La frequenza può influire sull'efficienza della disgregazione del campione e sui tipi di campioni che possono essere elaborati efficacemente.

  • Progettazione della sonda: Il design e la geometria del corno o della sonda a ultrasuoni possono influenzare l'efficienza dell'omogeneizzazione. Diversi modelli di sonda possono essere adatti a tipi specifici di campioni o volumi.

  • Caratteristiche del campione: La natura dei campioni da elaborare, come la loro viscosità, composizione e suscettibilità all'energia ultrasonica, può influenzare la velocità di elaborazione. Alcuni campioni potrebbero richiedere più tempo o un approccio diverso per un'omogeneizzazione efficace.

  • Elaborazione batch o continua: La capacità di lavorazione può anche essere influenzata dal fatto che l'omogeneizzatore ad ultrasuoni funzioni in modalità batch o a flusso continuo. I sistemi di elaborazione continua possono offrire una produttività maggiore per determinate applicazioni.

  • Specifiche del produttore: I produttori forniscono le specifiche per i loro omogeneizzatori ad ultrasuoni, comprese le condizioni operative consigliate e le capacità massime di lavorazione. È importante consultare la documentazione del produttore per informazioni precise su un particolare dispositivo.

È fondamentale notare che la capacità di elaborazione può variare a seconda dei diversi modelli e marche di omogeneizzatori ad ultrasuoni. Inoltre, le condizioni ottimali per ottenere la massima produttività mantenendo l'integrità del campione dovrebbero essere determinate in base ai requisiti specifici della propria applicazione.

Modalità di elaborazione dell'omogeneizzatore ad ultrasuoni: batch e continuo

Gli omogeneizzatori ad ultrasuoni possono funzionare sia in modalità batch che in modalità continua e la scelta tra queste modalità dipende dai requisiti specifici dell'applicazione. Entrambe le modalità hanno i loro vantaggi e sono adatte a diversi tipi di lavorazione.

  • Modalità batch:

    • Descrizione: In modalità batch, l'omogeneizzatore ad ultrasuoni elabora un volume fisso di campione alla volta. Il campione viene posizionato in un contenitore (come una provetta, un bicchiere o una fiala) e la sonda a ultrasuoni viene immersa nel campione per disgregarlo e omogeneizzarlo.
    • Vantaggi:
      • Configurazione semplice e diretta.
      • Adatto per applicazioni di laboratorio su piccola e media scala.
      • Consente il controllo sull'intero lotto di campioni.
  • Modalità continua:

    • Descrizione: In modalità continua, l'omogeneizzatore ad ultrasuoni elabora un flusso continuo di campione. Il campione viene continuamente pompato o fatto scorrere attraverso una camera dove la sonda a ultrasuoni lo interrompe e lo omogeneizza prima che esca dal sistema.
    • Vantaggi:
      • Maggiore produttività e velocità di elaborazione, che lo rendono adatto a operazioni su larga scala.
      • Può essere integrato in processi automatizzati o semi-automatizzati.
      • Adatto per applicazioni in cui è richiesta una fornitura continua di materiale omogeneizzato.

La scelta tra modalità batch e continua dipende da diversi fattori:

  • Volume del campione: La modalità batch viene spesso utilizzata per volumi di campione più piccoli, mentre la modalità continua è più efficiente per elaborare volumi più grandi.

  • Automazione e integrazione: La modalità continua è più adatta all'automazione e all'integrazione in sistemi di elaborazione più grandi, rendendola adatta per applicazioni industriali.

  • Velocità di elaborazione: La modalità continua offre generalmente velocità di elaborazione più elevate, rendendola vantaggiosa per le applicazioni in cui è richiesta un'omogeneizzazione rapida e continua.

  • Caratteristiche del campione: La natura del campione e il livello di omogeneizzazione desiderato possono influenzare la scelta della modalità. Alcuni campioni potrebbero essere più adatti per una modalità piuttosto che per un'altra.

È importante fare riferimento alle linee guida e alle specifiche del produttore per lo specifico modello di omogeneizzatore a ultrasuoni che si sta utilizzando, poiché forniranno informazioni sulla modalità di funzionamento consigliata, sui limiti e sulle migliori pratiche per ottenere risultati ottimali. Inoltre, considerare i requisiti specifici della tua applicazione aiuterà a determinare se la modalità batch o continua è più adatta alle tue esigenze.

Vantaggi dell'omogeneizzatore ad ultrasuoni

Gli omogeneizzatori ad ultrasuoni offrono numerosi vantaggi significativi nella preparazione e nella lavorazione dei campioni. Ecco alcuni vantaggi chiave dell'utilizzo di omogeneizzatori ad ultrasuoni:

  • Elaborazione efficiente e rapida: Gli omogeneizzatori ad ultrasuoni forniscono un'elaborazione dei campioni rapida ed efficiente rispetto ai metodi tradizionali. L'intensa azione di cavitazione e miscelazione generata dalle onde sonore ad alta frequenza garantisce un'omogeneizzazione completa, riducendo il tempo necessario per la preparazione del campione. Questa efficienza è particolarmente vantaggiosa quando si lavora con grandi volumi di campione o quando è necessaria una produttività elevata.
  • Versatilità: Gli omogeneizzatori ad ultrasuoni sono strumenti versatili che possono ospitare un'ampia gamma di volumi e viscosità dei campioni. Possono essere utilizzati per piccoli campioni su scala di laboratorio e per lotti industriali su larga scala. La capacità di controllare i parametri di sonicazione, come potenza, ampiezza e tempo di elaborazione, consente ai ricercatori di ottimizzare il processo di omogeneizzazione per diversi tipi di campioni e applicazioni.
  • Elaborazione non distruttiva dei campioni: L'omogeneizzazione ad ultrasuoni è una tecnica di preparazione del campione non distruttiva. A differenza di altri metodi che possono generare calore o forze di taglio eccessive, gli omogeneizzatori ad ultrasuoni preservano l'integrità e la funzionalità di molecole sensibili, come proteine, enzimi e acidi nucleici. Questa natura non distruttiva è particolarmente importante nelle applicazioni in cui il mantenimento delle proprietà native del campione è fondamentale.
  • Omogeneizzazione di vari campioni: Gli omogeneizzatori ad ultrasuoni possono omogeneizzare efficacemente un'ampia gamma di campioni, tra cui cellule, tessuti, emulsioni, sospensioni e materiali solidi. Sono comunemente usati per la distruzione cellulare, l'estrazione di DNA e RNA, l'estrazione di proteine, la riduzione delle dimensioni delle particelle e la dispersione di nanoparticelle. Questa versatilità rende gli omogeneizzatori ad ultrasuoni adatti a varie discipline scientifiche, come le scienze della vita, i prodotti farmaceutici, le nanotecnologie e la scienza dei materiali.
  • Scalabilità: Gli omogeneizzatori ad ultrasuoni possono essere facilmente ampliati per la produzione industriale. Gli stessi principi e tecniche utilizzati negli esperimenti su scala di laboratorio possono essere applicati a lotti più grandi, consentendo una transizione senza soluzione di continuità dalla ricerca alle applicazioni commerciali. Questa scalabilità rende gli omogeneizzatori ad ultrasuoni strumenti preziosi per lo sviluppo e l'ottimizzazione dei processi in settori quali quello farmaceutico, alimentare e delle bevande e cosmetico.
  • Funzionamento intuitivo: Gli omogeneizzatori ad ultrasuoni sono progettati per facilità d'uso e comodità dell'utente. Spesso sono dotati di pannelli di controllo intuitivi, interfacce intuitive e impostazioni programmabili. Alcuni modelli includono anche funzionalità di sicurezza automatizzate e funzionalità di monitoraggio in tempo reale. Queste funzionalità intuitive consentono ai ricercatori e agli operatori di eseguire esperimenti con precisione e sicurezza.
  • Contaminazione ridotta: Gli omogeneizzatori ad ultrasuoni riducono al minimo il rischio di contaminazione poiché non richiedono sostanze chimiche o materiali di consumo aggiuntivi per l'elaborazione dei campioni. Il campione viene trattato direttamente nel mezzo liquido, eliminando la necessità di solventi aggressivi o materiali abrasivi che possono introdurre contaminanti. Questo vantaggio è particolarmente importante nelle applicazioni in cui la purezza e l'integrità del campione sono fondamentali, come nel settore farmaceutico e biotecnologico.
  • Efficacia dei costi: Gli omogeneizzatori ad ultrasuoni offrono una soluzione economica per la preparazione dei campioni. Eliminano la necessità di molteplici fasi di lavorazione, apparecchiature aggiuntive e materiali di consumo, riducendo i costi complessivi. Inoltre, la durata e l'affidabilità a lungo termine degli omogeneizzatori ad ultrasuoni contribuiscono alla loro redditività.

Applicazioni dell'omogeneizzatore ad ultrasuoni

Gli omogeneizzatori ad ultrasuoni trovano applicazioni in vari campi scientifici e industriali grazie alla loro capacità di interrompere e omogeneizzare in modo efficiente i campioni. Ecco alcune applicazioni comuni degli omogeneizzatori ad ultrasuoni:

  • Distruzione e lisi cellulare: Gli omogeneizzatori ad ultrasuoni sono ampiamente utilizzati nella biologia cellulare e nella biotecnologia per la distruzione e la lisi cellulare. L'intensa cavitazione generata dalle onde sonore ad alta frequenza può rompere le membrane cellulari aperte, rilasciando contenuti cellulari come proteine, DNA, RNA e organelli. Questa applicazione è utile per estrarre componenti intracellulari, studiare processi cellulari e preparare campioni per analisi a valle.
  • Estrazione di DNA e RNA: Gli omogeneizzatori ad ultrasuoni sono impiegati in biologia molecolare e genetica per l'estrazione di DNA e RNA da vari campioni biologici. Le forze meccaniche generate durante la sonicazione aiutano nella disgregazione delle cellule e nel rilascio di acidi nucleici, facilitando la loro successiva purificazione e analisi.
  • Riduzione della dimensione delle particelle: Gli omogeneizzatori ad ultrasuoni vengono utilizzati per ridurre la dimensione delle particelle, comprese nanoparticelle, microsfere e goccioline di emulsione. Le intense forze di taglio e gli effetti di cavitazione disgregano gli agglomerati e promuovono una dispersione uniforme. Questa applicazione è fondamentale nella nanotecnologia, nel settore farmaceutico e nella scienza dei materiali per ottenere le distribuzioni dimensionali desiderate delle particelle e migliorare l'efficacia dei sistemi di somministrazione dei farmaci.
  • Emulsificazione e dispersione: Gli omogeneizzatori ad ultrasuoni facilitano la produzione di emulsioni stabili favorendo la rottura di liquidi immiscibili in goccioline fini. Sono comunemente utilizzati nell'industria alimentare e delle bevande per emulsionare gli oli, creare sospensioni stabili e migliorare la struttura e la stabilità del prodotto.
    Omogeneizzazione del campione: gli omogeneizzatori ad ultrasuoni vengono utilizzati per omogeneizzare i campioni ottenendo una miscelazione uniforme dei componenti. Questa applicazione è preziosa in chimica, scienza dei materiali e controllo qualità per garantire composizione e proprietà coerenti del campione.
  • Preparazione dei campioni per tecniche analitiche: Gli omogeneizzatori ad ultrasuoni vengono utilizzati per preparare campioni per varie tecniche analitiche, tra cui spettroscopia, cromatografia e spettrometria di massa. Aiutano a solubilizzare i campioni, migliorare l'efficienza di estrazione e migliorare l'uniformità del campione, portando a risultati più accurati e riproducibili.
  • Disintegrazione ed estrazione: Gli omogeneizzatori ad ultrasuoni sono utilizzati nell'estrazione di composti bioattivi da materiali vegetali, come erbe e prodotti botanici. Le forze meccaniche generate durante la sonicazione aiutano ad abbattere le pareti cellulari e a rilasciare i composti desiderati, come aromi, fragranze e composti terapeutici.
  • Sviluppo della formulazione: Gli omogeneizzatori ad ultrasuoni svolgono un ruolo cruciale nello sviluppo di formulazioni in settori quali quello farmaceutico, cosmetico e della cura personale. Aiutano a miscelare e disperdere gli ingredienti, a migliorare la stabilità del prodotto e a ottenere la consistenza e l'aspetto desiderati.
  • Degasaggio e pulizia del campione: Gli omogeneizzatori ad ultrasuoni possono essere utilizzati per degasare i liquidi rimuovendo i gas disciolti, come ossigeno o anidride carbonica. Vengono impiegati anche nella pulizia di vetreria e attrezzature da laboratorio, sfruttando gli effetti della cavitazione per rimuovere i contaminanti e facilitare la pulizia.

Queste applicazioni evidenziano la versatilità degli omogeneizzatori ad ultrasuoni in varie discipline scientifiche, tra cui biologia, chimica, scienza dei materiali, prodotti farmaceutici, tecnologia alimentare e cosmetici. Le efficienti capacità di elaborazione dei campioni e di omogeneizzazione degli omogeneizzatori ad ultrasuoni contribuiscono ai progressi nella ricerca, nello sviluppo e nel controllo di qualità in questi campi.

Il motivo per scegliere gli omogeneizzatori ad ultrasuoni di SeFluid

Sei alla ricerca di una tecnologia all'avanguardia che rivoluzionerà il tuo processo di omogeneizzazione? Non cercare oltre gli omogeneizzatori ad ultrasuoni SeFluid, la soluzione definitiva per ottenere risultati senza pari.

Noi di SeFluid comprendiamo l'importanza della precisione e dell'efficienza quando si tratta di omogeneizzazione. Ecco perché i nostri omogeneizzatori ad ultrasuoni sono progettati con caratteristiche all'avanguardia per soddisfare tutte le vostre esigenze.

Ecco perché gli omogeneizzatori ad ultrasuoni di SeFluid si distinguono dalla concorrenza:

  • Prestazioni senza pari: I nostri omogeneizzatori utilizzano una tecnologia ad ultrasuoni avanzata, fornendo risultati precisi e coerenti. Grazie alle impostazioni di potenza regolabili, hai il pieno controllo per ottenere l'interruzione, l'emulsificazione e la dispersione del campione desiderate.
  • Design innovativo: Sperimenta il futuro della preparazione dei campioni con il nostro design all'avanguardia. Gli omogeneizzatori ad ultrasuoni SeFluid sono progettati con tecnologia all'avanguardia e presentano design avanzati della sonda per la massima efficienza. L'interfaccia elegante e intuitiva consente un funzionamento senza interruzioni, rendendolo una risorsa preziosa sia per i professionisti esperti che per i nuovi arrivati.
  • Versatilità al suo meglio: Gli omogeneizzatori ad ultrasuoni di SeFluid sono adattabili ad un'ampia gamma di applicazioni. Che operi nel settore farmaceutico, alimentare e delle bevande, cosmetico o di ricerca, i nostri omogeneizzatori offrono prestazioni eccezionali su vari tipi di campioni.
  • Efficienza in termini di tempi e costi: Dite addio ai lunghi e costosi processi di omogeneizzazione. I nostri omogeneizzatori ad ultrasuoni offrono tempi di lavorazione rapidi, consentendo di ottimizzare la produzione e ridurre i costi operativi senza compromettere la qualità.
  • Interfaccia intuitiva: Crediamo che la tecnologia debba essere accessibile a tutti gli utenti. Ecco perché i nostri omogeneizzatori sono dotati di un'interfaccia intuitiva, che semplifica il funzionamento e l'ottimizzazione del processo di omogeneizzazione per gli operatori di tutti i livelli.
  • Durata e affidabilità: SeFluid è orgoglioso di fornire apparecchiature robuste e affidabili. I nostri omogeneizzatori ad ultrasuoni sono costruiti per resistere a un utilizzo rigoroso, garantendo prestazioni di lunga durata e tempi di inattività minimi.
  • Assistenza clienti eccezionale: Sosteniamo i nostri prodotti e i nostri clienti. Il nostro team di supporto dedicato è pronto ad assisterti per qualsiasi domanda, risoluzione dei problemi o guida di cui potresti aver bisogno lungo il percorso.

Non accontentarti dei metodi di omogeneizzazione ordinari quando puoi sperimentare lo straordinario con gli omogeneizzatori ad ultrasuoni SeFluid. Porta il tuo processo di omogeneizzazione a nuovi livelli e osserva risultati straordinari.

Contattaci oggi per saperne di più sugli omogeneizzatori ad ultrasuoni SeFluid e su come possono trasformare il tuo processo di omogeneizzazione. Sperimenta il futuro dell'omogeneizzazione con SeFluid!

omogeneizzatore ad ultrasuoni | SeFluid

specifica

Energia

500-3500 W

Frequenza di risonanza

20±1KM

Massimo. Pressione di lavoro

5MPa

Materiale

Lega di titanio

Richiesta di offerta

Parla con noi adesso!

Ti consigliamo vivamente di fare clic o scansionare il codice QR sottostante per parlare direttamente con i nostri tecnici commerciali in modo che possiamo aiutarti a trovare i prodotti più adatti alle tue esigenze applicative.

NOTIZIE

La testa di lavoro è un componente cruciale di un miscelatore ad alto taglio, svolgendo un ruolo vitale nella sua funzionalità e prestazioni.
L'omogeneizzatore ad alto taglio è un tipo di dispositivo utilizzato per mescolare, emulsionare e disperdere i materiali. È utile per prodotti farmaceutici, alimenti e bevande.
Le pale di miscelazione ad alto taglio sono comunemente utilizzate in vari processi industriali. Sono progettati per creare una potente forza di taglio di miscelazione.
Il miscelatore da laboratorio ad alto taglio è un tipo di attrezzatura per la ricerca e lo sviluppo di laboratorio per emulsionare miscele liquide in emulsioni stabili.
I miscelatori ad alto taglio sono apparecchiature essenziali in vari settori. Per la scelta del miscelatore ad alto taglio è necessario considerare diversi fattori.
Esplora la scienza e le applicazioni degli emulsionanti ad alto taglio, dai cosmetici ai prodotti farmaceutici fino agli alimenti.

PRODOTTI CORRELATI

contatto

N. 10, Jinhai Rd, Hefei, Cina 201400
Telefono: +86 156 6910 1862
Fax: +86 551 5843 6163
potere.diulfesobfsctd@selas

Grazie mille per la tua richiesta. Ti risponderemo in un giorno. Puoi anche parlare direttamente con noi nei seguenti modi:

WhatsApp
WhatsApp
Telegram
Telegram
WeChat
WeChat